I Consigli di Nonna Iole

PURPU ALLA PIGNATA

PURPU ALLA PIGNATA

“Lu purpu alla pignata” è un piatto della tradizione salentina diffusissimo fin dai tempi antichi. Come dice Nonna Tetta, ‘la morte te lu purpu ete la pignata’ (la morte del polipo è alla pignata). Effettivamente il miglior modo per cucinare il polipo è alla pignata, cioè in una pentola di terracotta anticamente adatta alla cottura su fuoco vivo. Per prepararlo seguite i vari passaggi, ma soprattutto i consigli.

INGREDIENTI:

1 polpo

12 pomodori maturi

2 ‘spunzali’ (cipolla porraia)

1 spicchio d’aglio

1 mazzetto di prezzemolo

2 foglie di alloro

pepe in grani

peperoncino

olio evo qb

sale

PREPARAZIONE:

Prendere il polpo, tagliare a pezzetti e sciacquare.

In una pignata (o in una semplice pentola di terracotta) mettere insieme lo spicchio d’aglio, gli ‘spunzali’ tritati, i pomodori tagliuzzati, il prezzemolo tritato, il pepe nero in grani, le due foglie di alloro, il peperoncino, olio e mezzo bicchiere di acqua.

Portare ad ebollizione, cuocere per dieci minuti ed aggiungere il polpo che dovrà cuocere ‘con la sua stessa acqua’ per circa un’ora a fiamma bassa, fino a quando diventerà tenero e saporito

La Storia di Nonna Tetta: Uno dei più famosi detti popolari sul polpo è senza dubbio “lu purpu se coce cu ll’ acqua soa stessa”, cioè “il polpo si cucina con la sua stessa acqua”, questo perché effettivamente nel cucinare il polpo non si ha bisogno di aggiungere acqua. Per metafora, il detto viene anche usato per indicare che una persona un po' testarda può imparare solo dai suoi errori.

I prodotti più venduti

In offerta!
Passo Del Cardinale Cantine Paololeo 2
Passo Del Cardinale

Primitivo di Manduria DOP

11,00 9,35
In offerta!
Orfeo

Negroamaro Puglia IGP

15,90 13,52
Chardonnay Cantine Paololeo 2
Chardonnay

Salento IGP

6,00
In offerta!
Negroamaro Cantine Paololeo
Negroamaro

IGP Salento

6,00 5,10

Newsletter

× Hai bisogno di aiuto?