Fiore di vigna

Fiore di vigna

Primitivo Salento IGP - Annata: 2016

Produttore:

26,10

VITIGNO

Primitivo

AFFINAMENTO

12 mesi in barriques di rovere americano e francese

GRADO ALCOLICO

14,5% vol

TEMP. DI SERVIZIO

18° C

IDEALE CON

Sughi rossi e ragù di carne, arrosti e cacciagione

NOTE DEGUSTATIVE

Frutta a bacca nera, leggermente appassita, e ciliegia sotto spirito


Svuota
Descrizione

Il più noto vitigno autoctono pugliese è, senza dubbio, il Primitivo. Dalle origini antichissime, quest’uva che dà luogo ad un nettare corposo, molto fruttato e ben strutturato, si è adattata pienamente al clima mediterraneo. Il Primitivo è, infatti, in grado di produrre vini pregiati nel Salento, dove le lunghe giornate di sole vengono contrastate dalla brezza marittima, e dove i grandi sbalzi termici premettono alle uve di riposare durante la notte, maturando lentamente e conservando la loro freschezza.

VITIGNO: Primitivo

DENOMINAZIONE: Salento IGP

ZONA DI PRODUZIONE: area rurale tra le province di Brindisi e Lecce

SISTEMA DI ALLEVAMENTO: tradizionale alberello pugliese di 45 anni, a potatura corta, con speroni a due gemme

TERRENO: argilloso

DENSITÀ D’IMPIANTO E RESA: da 4000 a 4500 piante per ettaro, con rese di circa 1,2 kg di uva per pianta

VENDEMMIA: La vendemmia viene effettuata alle prime ore dell’alba; le uve, raccolte in cassette da 5 kg per preservarne l’integrità, sono lasciate ad appassire per circa 3 settimane, periodo in cui vengono esposte ad una costante e mite ventilazione. Grazie a questo processo, le componenti aromatiche e strutturali dell’uva si concentrano, aumentando notevolmente i profumi e il corpo di questo grande vino.

VINIFICAZIONE:  Dopo il periodo di leggero appassimento l’uva si diraspa e fermenta in acciaio a temperatura controllata di 25°C per 8-10 giorni. La macerazione sulle bucce dura 15-18 giorni, periodo necessario per una completa estrazione di aromi e tannini.

MATURAZIONE: 12 mesi in barriques di rovere americano e francese, seguiti da 6 mesi in bottiglia.

GRADAZIONE ALCOLICA: 14,5%

APPORTO CALORICO: 101,5 kcal/100 ml

NOTE DI DEGUSTAZIONE: Colore rosso granato intenso; bouquet avvolgente e piacevolmente speziato, con sentori di frutta a bacca nera, leggermente appassita, e di ciliegia sotto spirito. I tannini vellutati e la buona struttura creano un gusto rotondo e maturo, bilanciato con un’adeguata acidità. Lungo retrogusto di fichi secchi e amarena.

SERVIZIO: ossigenare e servire a 17-18°C

ABBINAMENTI GASTRONOMICI: primi piatti importanti, a base di sughi rossi e ragù di carne, arrosti e cacciagione.

 

Informazioni aggiuntive
PesoN/A
Annata

2016

Affinamento

12 mesi in barriques di rovere americano e francese

Formato

75 cl, 1,5 lt

Grado Alcolico

14,5% vol

Linea

Top

Temperatura

18° C

Tipo di Vino

Rosso fermo

Vitigno

Primitivo

Riconoscimenti / Premi
Riconoscimento / Premio

Anno

Punteggio

Vinitaly 2010

2008

Medaglia d'Oro

Selezione del Sindaco 2010

2008

Medaglia d'Argento

Radici Wines 2010

2008

Secondo classificato, giuria tecnica

Guida ai Vini di Puglia e Basilicata Edizione 2011

2008

Eccellenza

Etichetta D'Oro XIX Edizione

2009

Premio Nazionale Etichetta D'Oro

Decanter 2011

2009

Medaglia di Bronzo

IWC 2011

2009

Medaglia d'Argento

IWSC 2011

2009

Medaglia d'Argento Best in Class

Selezione del Sindaco 2011

2009

Medaglia d'Argento

Radici Wines 2010

2009

Primo Vincitore Assoluto - giuria tecnica ed appassionati

Guida "Duemilavini" AIS 2012

2009

Quattro Grappoli

IWC 2012

2010

Medaglia di Bronzo

IWSC 2012

2010

Medaglia d'Argento

Decanter 2012

2010

Menzione

Mundus Vini 2012

2010

Medaglia d'Oro

Vinitaly 2012

2010

Gran Menzione

Annuario dei Migliori Vini Luca Maroni 2013

2010

Miglior Vino del Produttore

IWC 2013

2010

Medaglia d'Argento

Annuario dei Migliori Vini Luca Maroni 2014

2011

3* Miglior Vino Rosso d'Italia

Selezione del Sindaco 2014

2011

Medaglia d'Oro

Guida Vitae 2014

2011

Tre Tralci

IWC 2014

2012

Medaglia d'Argento

IWWA 2014

2012

Medaglia di Bronzo

Gambero Rosso 2014

2012

Due Bicchieri

Annuario dei Migliori Vini d'Italia Luca Maroni 2015

2012

2* Miglior Vino d'Italia

Vinitaly 2015

2012

Gran Menzione

Selezione del Sindaco 2015

2013

Medaglia d'Argento

IWSC 2016

2014

Medaglia di Bronzo

Decanter 2016

2014

Menzione

Selezione del Sindaco 2016

2014

Medaglia d'Oro

Mundus Vini 2016

2014

Medaglia d'Oro

Robert Parker's The Wine Advocate 2016

2014

88

IWSC 2017

2014

Medaglia d'Argento

DECANTER World Wine Award 2018

2016

Bronze

Cantine Paololeo

Se è vero che dietro ogni bottiglia di vino c'è sempre una storia da raccontare, quella dei vini Paololeo è una storia semplice e bella, come tutte le storie di famiglia.

Sono state ben cinque le generazioni di viticoltori che, uniti da una passione per il vino e senza mai allontanarsi dalla propria terra, hanno costruito ciascuno un pezzo di storia della cantina che, oggi come allora, sorge a sud di Brindisi, nella cittadina di San Donaci portando ancora il loro nome.

Le Cantine PaoloLeo sono oggi un'azienda moderna con una sede di 17.000 mq, una linea di imbottigliamento completamente automatizzata, una capacità di 50.000 ettolitri di vino e 500 barrique francesi e americane per l'invecchiamento dei vini.

Tuttavia, il "cuore" di tutta l'attuale superficie vitata sono ancora quei 25 ettari dove il bisavolo cominciò agli inizi del Novecento a vinificare le sue uve nella Masseria Monticello. Fu poi suo nipote Paolo Leo ad ereditare la terra e a costruire la cantina.

E oggi è ancora un erede, l'omonimo Paolo Leo, a guidare la cantina, insieme a sua moglie Roberta e ai figli maggiori, Nicola e Stefano.

Pagina ufficiale: www.paololeo.it

Prodotti correlati

Taccorosso

Negroamaro Puglia IGP

40,10
Nerimatti

Riserva Salice Salentino DOP

40,10
Negramante

Negroamaro Salento IGP

11,40
Grècìa

Rosato di Negroamaro Salento IGP

11,40

Newsletter

× Hai bisogno di aiuto?