I Consigli di Nonna Iole

FAVE A CECAMARITI

FAVE A CECAMARITI

Se usiamo le parole fave e Salento si pensa subito al piatto povero della tradizione pugliese ‘Fave e Cicorie’, ma oltre a questa delizia esistono diverse varianti a base di questi legumi. Oggi prepareremo un’antica ricetta contadina talmente buona da ‘stordire’ i mariti. Date largo alla fantasia, potete usare i piselli, i ceci, i fagioli… spesso si uniscono anche verdure ‘nfucate o scattarisciate (stufate o saltate).

INGREDIENTI:

500 g Fave secche

2 fette di pane raffermo

1 spicchio di aglio

½ cipolla

olio evo (q.b.)

Sale (q.b.)

PREPARAZIONE:

Pulite le fave messe a mollo la sera precedente e cuocetele in acqua salata a fuoco lento sino a spappolamento completo (nonna tetta specifica che le fave devono essere sempre ricoperte di acqua). Non appena l’acqua comincerà a bollire, noterete che si formerà una patina di schiuma, toglietela e salate. Non girate mai le fave in questa fase, se nel caso vi rendete conto che l’acqua è poca, aggiungetene un po’. Lasciate cuocere a fuoco lento e controllate di tanto in tanto.
Quando le fave in pentola sono diventate dense, aggiungete lo spicchio di aglio, la mezza cipolla e giratele con un mestolo di legno completando la cottura. A discrezione, potete eliminare l’aglio a fine cottura.

Tagliate a dadini il pane casareccio e friggete in abbondante olio fino a quando saranno dorati. Potete servire le fave in un piatto fondo, aggiungendo i crostini ed un filo di olio evo a crudo.

I prodotti più venduti

Promo
Orfeo

Negroamaro Puglia IGP

15,90 13,50
Passo Del Cardinale

Primitivo di Manduria DOP

11,00
Negroamaro Cantine Paololeo
Negroamaro

IGP Salento

6,00
Primitivo

Salento IGP

6,00

Newsletter

Open chat
Hai bisogno di aiuto?