Passitivo Organico

Prodotto Biologico

Passitivo Organico

Primitivo Salento IGP BIO - Annata: 2015

Produttore:

19,90

VITIGNO

Primitivo

AFFINAMENTO

5 mesi in barriques di rovere americano e 6 mesi in acciaio

GRADO ALCOLICO

14 %

TEMP. DI SERVIZIO

18° C

IDEALE CON

Primi piatti a base di sughi rossi, carni rosse e cacciagione

NOTE DEGUSTATIVE

Ciliegia e amarena mature, speziato, con sentori di cocco e cioccolato


Descrizione

Il Salento offre le condizioni ambientali ideali per praticare l’agricoltura biologica. L’elevata irradiazione solare durante la maggior parte dell’anno, unita all’assenza assoluta di piogge durante l’estate e la grande ventilazione fanno possibile la produzione di uve sane, senza dover far ricorso a trattamenti di sintesi. Consapevoli dell’importanza di ridurre l’uso di diserbanti e pesticidi per tutelare i paesaggi e la biodiversità del Salento, nonché la salute dei salentini, le Cantine PaoloLeo propongono un’intera linea di vini biologici certificati ICEA.

Questo vino, d’altronde, è stato realizzato seguendo la tecnica dell’appassimento in pianta, ovvero una concentrazione di tutte le componenti solide dell’uva per esaltare aromi e sapori. Questa tecnica, fattibile solo in regioni dall’ottimo clima come il Salento, dà luogo a vini robusti, con un marcato carattere di frutta stramatura senza però un’esagerata dolcezza.  

VITIGNO: Primitivo

DENOMINAZIONE: Salento IGP

ZONA DI PRODUZIONE: area rurale di San Donaci e Mesagne, in provincia di Brindisi

SISTEMA DI ALLEVAMENTO: tradizionale alberello pugliese

TERRENO: argilloso

DENSITÀ D’IMPIANTO E RESA: 4500 piante per ettaro e 1,8 kg di uva per pianta

VENDEMMIA: Per tutto il periodo della vendemmia furono effettuate campionature nel vigneto prelevando acini da diversi grappoli; questa procedura serve a determinare la gradazione zuccherina mediante analisi rifrattometrica del succo ottenuto. A metà Agosto, quando le uve hanno raggiunto la perfetta maturazione si applica una particolare tecnica chiamata “Il giro del Picciolo”. Consiste nello strozzare il gambo dei grappoli in modo di impedire la nutrizione degli acini, inducendo così un appassimento naturale in pianta. I grappoli vengono lasciati ad appassire per circa 12 giorni, perdendo circa il 25-30% del loro peso in liquidi, e concentrando gli aromi e sapori prima della raccolta.

VINIFICAZIONE: Dopo la diraspatura, le uve sono pigiate delicatamente, permettendo alle bucce di rimanere intatte e favorire l’estrazione del colore. La fermentazione avviene alla temperatura controllata di 22-25°C per 8-10 giorni. Nelle prime fasi della fermentazione, al fine di ottenere il massimo dei profumi e tannini morbidi, si effettuano frequenti rimontaggi e délestage. Dopo la svinatura avviene la fermentazione malolattica.

MATURAZIONE: 5 mesi in barriques di rovere americano e 6 mesi in acciaio

GRADAZIONE ALCOLICA: 14%

APPORTO CALORICO: 98 kcal/100 ml

NOTE DI DEGUSTAZIONE: rosso rubino intenso; pronunciati aromi di ciliegia e amarena mature, bouquet avvolgente, piacevolmente speziato e con sentori di cocco e cioccolato. Corpo ben strutturato, pieno e sapido, bilanciato con tannini morbidi e con un lungo finale di frutti del bosco maturi.

SERVIZIO: ossigenare e servire a 18°C

ABBINAMENTI GASTRONOMICI: primi piatti a base di sughi rossi, carni rosse e cacciagione; risotto ai funghi o alle verdure ben condite.

Informazioni aggiuntive
Peso1650 g
Annata

2015

Affinamento

5 mesi in barriques di rovere americano e 6 mesi in acciaio

Formato

75 cl

Grado Alcolico

14 %

Linea

Passitivo

Temperatura

18° C

Tipo di Vino

rosso fermo biologico

Vitigno

Primitivo

Riconoscimenti / Premi
Riconoscimento / Premio

Anno

Punteggio

Mundus Vini 2018

2016

Commended

Decanter 2018

2016

Commended

Cantine Paololeo

Se è vero che dietro ogni bottiglia di vino c'è sempre una storia da raccontare, quella dei vini Paololeo è una storia semplice e bella, come tutte le storie di famiglia.

Sono state ben cinque le generazioni di viticoltori che, uniti da una passione per il vino e senza mai allontanarsi dalla propria terra, hanno costruito ciascuno un pezzo di storia della cantina che, oggi come allora, sorge a sud di Brindisi, nella cittadina di San Donaci portando ancora il loro nome.

Le Cantine PaoloLeo sono oggi un'azienda moderna con una sede di 17.000 mq, una linea di imbottigliamento completamente automatizzata, una capacità di 50.000 ettolitri di vino e 500 barrique francesi e americane per l'invecchiamento dei vini.

Tuttavia, il "cuore" di tutta l'attuale superficie vitata sono ancora quei 25 ettari dove il bisavolo cominciò agli inizi del Novecento a vinificare le sue uve nella Masseria Monticello. Fu poi suo nipote Paolo Leo ad ereditare la terra e a costruire la cantina.

E oggi è ancora un erede, l'omonimo Paolo Leo, a guidare la cantina, insieme a sua moglie Roberta e ai figli maggiori, Nicola e Stefano.

Pagina ufficiale: www.paololeo.it

Prodotti correlati

Primitivo Di Manduria

Primitivo di Manduria DOC

17,20
Giunonico

Primitivo di Manduria DOP Riserva

40,10
Negroamaro

IGP Salento

7,00
Nerimatti

Riserva Salice Salentino DOP

40,10

Newsletter

× Hai bisogno di aiuto?