Sfizio Stories

La Pizzica Salentina

La Pizzica Salentina

C’era una volta una terra magica, il Salento,  popolata da gente umile, contadina ma  calorosa, attaccata alle tradizioni e abituata alle fatiche e alle insidie del lavoro dei campi. Tra i pericoli più temuti figurava  la tarantola, un ragno oscuro e minaccioso che mordeva le donne intente alla mietitura, portandole col suo veleno in uno stato di catalessi.

Le antiche comunità contadine, però, conoscevano un rimedio infallibile: una danza incantata e terapeutica che, coi suoi ritmi ossessivi e concitati, guariva le malcapitate che espellevano il veleno al ritmo del tamburello.

Le tarantate, in realtà, non erano state morse dal ragno, perché, anche se fosse stato, il ragno non avrebbe procurato alcuna conseguenza se non un’irritazione a livello locale, ma avevano altri tipi di problemi: crisi epilettiche, turbe psichiche, depressione, ecc…

Si dice anche che spesso ballare, facendo finta di essere tarantata, era un pretesto per fuggire alla condizione opprimente in cui vivevano: autoritarismo familiare, società discriminante, lavoro disumano, quindi i movimenti convulsi  divenivano una forma di protesta “tollerata” con cui l’invisibilità diveniva visibile.

Un piccolo cenno su come si costruiscono i tamburelli seguendo un’arte ereditata dal passato e impiegando  maestria e tanta passione.

Vengono utilizzate pelli di capretto, a meno che il diametro dello strumento non sia superiore a 40 cm, in questo caso si usano pelli di capra; il telaio è trattato solo con oli naturali.

Il tamburello può essere di diverse grandezze e colorazioni, è sempre fornito di sonagli, e anche il loro numero può variare.

 

I prodotti più venduti

Promo
Orfeo

Negroamaro Puglia IGP

15,90 11,90
Passo Del Cardinale Cantine Paololeo 2
Passo Del Cardinale

Primitivo di Manduria DOP

11,00
Promo
Negroamaro Cantine Paololeo
Negroamaro

IGP Salento

6,00 4,50
Primitivo cantine Paololeo 2
Primitivo

Salento IGP

6,00

Newsletter

Open chat
Hai bisogno di aiuto?